Il destino di un uomo

Il mio post sul cognome, sull’antico patronimico, diventato terreno di rivendicazione del femminismo di ritorno, ha contribuito all’ispirazione di un post di Alessandro che mi è molto piaciuto (e invito a leggere).

Dal mio post è partita anche una riflessione sul mio essere padre e marito, nonché uomo. Ho sempre trovato odioso il concetto di destino. Forse ero troppo giovane per capire, oppure non mi era stato spiegato bene. Forse c’è persino una parola più adatta. Ma ho oggi la chiara sensazione che io, per storia, biologia, indole, ecc., abbia un “destino” che non è una gabbia, ma una possibilità. Un po’come nascere con le ali e riconoscere quella di volare come propria possibilità da non perdere.

Mi fa riflettere il mio destino di uomo. Mi sono accorto che mi è più ostico di quello di padre. Come padre, i sacrifici o le scelte anche difficili le faccio senza lamentarmi troppo. E’quando, come uomo, sono chiamato ad affrontare i flutti del mondo del lavoro, le delusioni, le pressioni, le difficoltà, che mi ribello: non è che non le affronti, ma è che mi lamento, come se tutto questo non dovesse capitare a me, se qualcuno dovesse proteggermi da tutto questo. Quindi, mi arrabbio, divento intrattabile, vorrei starmene a casa invece che in giro per mondo o Italia.

Non sto predicando la sopportazione, la rassegnazione. Penso che cercare di stare meglio, di organizzarsi meglio sia giusto ed opportuno. Ma, mi domando, non è questa la mia parte nella coppia? Era tanto più facile andare a caccia o a difendere i confini della tribù? Non rivendico – in teoria – questo ruolo per proteggere la crescita dei bambini?

Allora, forse, se ho scelto – o meglio ho accettato il mio destino – di fare il pescatore, non posso lamentarmi che mi bagno.

Annunci

4 commenti

Archiviato in Arkeon, Società

4 risposte a “Il destino di un uomo

  1. Caro S&P
    mi è piaciuto molto questo tuo post, che mi ha suscitato altri pensieri. Data la linghezza, ne ho fatto un post sul mio blog.
    A presto

  2. @ S&P: grazie. Leggere i post degli altri dovrebbe, fra le altre, cose servire anche a questo. Ciao, S&P

  3. Bel post, complimenti 😉
    A presto.
    Fioridiarancio

  4. @ Fioridirancio: grazie!
    Ciao
    S&P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...