Donne libere, donne oppresse

Ho avuto nella vita la fortuna di incontrare – per motivi di lavoro o di viaggi – ragazze e donne di origine turca, araba o iraniana. Insomma, musulmane del Vicino o del Medio Oriente.

Mi sono sembrate, in generale, intelligenti, simpatiche, a volte belle, quasi sempre eleganti e molto curate. Si trattava di donne istruite, senza dubbio, e magari anche socio-economicamente avvantaggiate, ma sospetto che non si tratti di casi isolati.

Il contrasto con la sciatteria – niente di male ad essere sciatti, uomini o donne, ma le persone curate sono più gradevoli – che si trova andando verso nord (Europa) colpisce. In questo passaggio, da sud a nord, anche le italiane (e gli italiani), per ora, si collocano abbastanza bene.

Ho l’impressione che il fenomeno sia reale e ci sia qualche motivo culturale da comprendere. Un’ipotesi che “butto là” è che un certo modo di vivere la parità dei sessi faccia perdere l’interesse ad uomini e donne nell’essere curati.

Ma quello che mi colpisce di più è un’altra cosa. Nel caso dell’Iran (per non parlare dell’Arabia Saudita), a meno che ci sia qualcosa che davvero non comprendo, mi sembra veramente un’ingiustizia obbligare al velo o al nascondersi queste donne. Non riesco a condividere questa mancanza di libertà.

Insomma, con tutte le critiche possibili, la nostra situazione in occidente mi sembra migliore. Eppure mi accorgo che, anche qui, alle donne e alle ragazze sempre più svestite, ma spesso anche meno belle (a mio giudizio), manca qualcosa.

Forse, senza guardare indietro, c’è una identità femminile da ripensare. Nel segno dell’identità e della libertà.

Annunci

5 commenti

Archiviato in Arkeon, Società

5 risposte a “Donne libere, donne oppresse

  1. Anche io trovo che ci sia qualcosa che non va nell’espressione della femmminilità nei paesi più “avanzati”. Come te, credo che sia un’ingiustizia l’imposizione del velo. Non lo trovo però anti-femminile, anzi il contrario, se può nascere dalla libertà. Penso che ci sia un errore di percezione nella “parità dei sessi” che diventa non più uguaglianza di dignità tra esseri umani, ma un annullamento delle differenze tra uomini e donne e questo, almeno nella mia percezione, è un gran peccato.
    Ciao e a presto.
    Fioridiarancio

  2. Questo è un vasto sogetto. In primo luogo, nella religione musulmana ci sono dai religiosi moderati a quelli estremisti (quelli che impongo cose a donne e uomini nemeno scritte sul corano o esposte in modo diverso). C’è la comunità Sciita e Sunita (puoi leggere le spiegazioni su Wikipedia).
    Varia da stato e zone; comunque, tante si vestono anche per tradizione o abitudine; altre scelgono di seguire le regole severe imposte, piu per paura; rischiano in certi stati la lapidazione, suicidio forzato e altro. Ci sono delle ragazze e donne coraggiose !Credo che l’imposizione che ho trovato forte era il burka e maschera che copre i lineamenti del viso. Nella magioranza coprono i capelli (fonte di seduzione, secondo certe persone) o portano il scignon e basta, con un foulard.
    Io ho trovato delle donne straordinarie con ho senza velo; sicuramente diverse che qui in europa o altrove, piu provocanti a volte, seduttive; quello che a volte mi dispiace è del fatto che le donne capiscano poco che la bellezza nasce da altrove;di qualche cosa di profondo.
    Il tuo tema è interessante ancora.
    Fiducia

  3. @ Fioridiarancio: sono d’accordo con te. La sfida è trovare un’altra strada (se c’è). Prima di questo, forse, capire perché parità dei sessi è diventata, come dici benissimo, non pari dignità, ma annullamento delle differenze.
    ciao e grazie
    S&P

  4. @ Fiducia: l’Islam, come dici, e la condizione femminile nel mondo islamico è molto diversificata. Ho sicuramente semplificato e mi è bastata una piccola ricerca su Internet per rendermene conto. Tra sciiti e sunniti, credo che quando c’è l’estremismo, la condizione della donna non sia molto libera. Il velo in testa, come dici, può essere tutto; il burka, anche a me, sembra sempre umiliante.
    Quello che dici sulla bellezza è molto profondo. E’un po’che volevo fare un post sulla bellezza; vediamo se ci riesco.
    Ciao e grazie
    S&P

  5. S&P sono sicura che ci riesci, mi piaciono i tuoi post, come per Fiore e Baraka; ogniuno di voi ha un modo di esprimersi molto interessante.

    A presto,
    Fiducia, Fabia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...