AIDS e preservativi: parliamo dell’Africa, o di noi?

E ‘evidente che abbiamo bisogno di fare dei veri progressi contro gli elementi trainanti di questa epidemia [Ndr, quella dell’AIDS], in particolare la disuguaglianza dei generi, la stigmatizzazione e la discriminazione [Ndr, di sieropositivi e ammalati], la povertà, e l’incapacità di attuare e proteggere i diritti umani. Questa è forse la sfida più grande per rispondere all’AIDS. Non ci può essere una soluzione tecnologica per le questioni sociali. Abbiamo bisogno di un cambiamento sociale – e tutti noi che lottiamo contro l’AIDS dobbiamo essere disposti a sostenere questo cambiamento. Sono sempre più convinto che da sola, l’espansione dei programmi, o fare di più, anche molto di più, non fermerà l’epidemia

Forse dall’assenza della parola preservativo, avrete capito che chi parla non è il Papa, ma il Direttore del Joint United Nations Programme on HIV/AIDS (UNAIDS), il programma delle Nazioni Unite contro l’AIDS, Peter Piot, nel 2006.

Mi sembra di non azzardarmi troppo nel dire che, come il Papa, anche Piot pensa che non basta aumentare i programmi (i soldi comunque non sufficienti di cui ha parlato il Papa), ma che bisogna lavorare sugli elementi trainanti (il Papa ha parlato, in maniera più pregnante, di anima). Per programmi credo che si intenda anche la distribuzione di preservativi.

Lo stigma e la discriminazione di sieropositivi ed ammalati di Piot mi sembrano gli aspetti cui il Papa vorrebbe oppporre una “vera amicizia anche e soprattutto per le persone sofferenti. Dietro la diseguaglianza dei generi, come soluzione, vedo chiaramente le parole del Papa “umanizzazione della sessualità, cioè un rinnovo spirituale e umano che porti con sé un nuovo modo di comportarsi l’uno con l’altro“, con la differenza che il discorso del Papa è più profondo. Mi sembra, fra l’altro, questo tema dell’umanizzazione della sessualità, del “dare forza spirituale e umana per un comportamento giusto nei confronti del proprio corpo e di quello dell’altro” sia di grande attualità anche da noi.

A parte l’importanza del ruolo della Chiesa cattolica, tra i due, resta una frase problematica pronunciata dal Papa “se gli africani non aiutano (impegnando la responsabilità personale), non si può superarlo con la distribuzione di preservativi: al contrario, aumentano il problema”. Qui c’è un evidente contrasto con quanto afferma la citata UNAIDS, perché quest’ultima dice chiaramente che i preservativi funzionano anche se altrettanto chiaramente dice che devono essere incorporati in una strategia complessiva, e che altri elementi hanno un ruolo.

Sempre UNAIDS, infatti, parla dell’ABC (Astinenza, cioè evitare i più giovani ad avere rapporti sessuali solo quando sono emotivamente pronti ad affrontarli; Being faithful, cioè essere fedeli; Condom preservativi), cosa che – salvo i condom – di nuovo ci porta vicino a quanto dice il Papa.

Mi sembra quindi che ci sia un certo consenso che distribuire i preservativi da solo non funziona, anche perché essi prevengono l’AIDS solo se usati costantemente.

Non ho trovato che i preservativi aumentano il problema, questo no (anche se ho cercato poco) e continuo a pensare che, anche se risolvessero solo parte del problema, varrebbe comunque la pena promuoverne l’uso. Ma non riesco a non essere d’accordo con il Papa, come del resto con le fonti che ho visto, che il problema è, anche solo dal punto di vista pratico, più profondo. Anche con i preservativi, il vero lavoro è dare alle persone la forza psichica di usarli.

Dalla polemica di questi giorni, mi viene però il dubbio che si stia parlando (anche) d’altro.

Ho letto che sarebbero i giornalisti anglosassoni per alcune questioni legate all’Africa ad avercela con il Papa. Può darsi, la stampa inglese ed americana, in buona parte, è contro i papisti e il cattolicesimo quasi da sempre, in un modo a volte irritante.

Però sospetto che la vera discussione sia sull’approccio al sesso nella nostra società, non in quella africana. Sospetto che il timore sia parlare di astinenza (che poi vuol dire avere i primi rapporti sessuali più tardi) e fedeltà, o meglio di avere un diverso rapporto con il sesso, non agli africani, ma qui da noi – in Italia ed Europa. Anche in Italia si propongono programmi ABC, ma continua a sembrarmi un discorso controcorrente.

E con questo -a quello che so oggi – sono per il preservativo, quando serve, e per le campagne che lo propongono se è utile. Servisse a salvare anche una sola persona.

Ecco comunque sotto il testo dello scandalo. Sotto la parte clou.

“DomandaSantità, tra i molti mali che travagliano l’Africa, vi è anche e in particolare quello della diffusione dell’Aids. La posizione della Chiesa cattolica sul modo di lottare contro di esso viene spesso considerata non realistica e non efficace. Lei affronterà questo tema, durante il viaggio?

Papa – Io direi il contrario: penso che la realtà più efficiente, più presente sul fronte della lotta contro l’Aids sia proprio la Chiesa cattolica, con i suoi movimenti, con le sue diverse realtà. Penso alla Comunità di Sant’Egidio che fa tanto, visibilmente e anche invisibilmente, per la lotta contro l’Aids, ai Camilliani, a tante altre cose, a tutte le Suore che sono a disposizione dei malati … Direi che non si può superare questo problema dell’Aids solo con soldi, pur necessari, ma se non c’è l’anima, se gli africani non aiutano (impegnando la responsabilità personale), non si può superarlo con la distribuzione di preservativi: al contrario, aumentano il problema. La soluzione può essere solo duplice: la prima, una umanizzazione della sessualità, cioè un rinnovo spirituale e umano che porti con sé un nuovo modo di comportarsi l’uno con l’altro; la seconda, una vera amicizia anche e soprattutto per le persone sofferenti, la disponibilità, anche con sacrifici, con rinunce personali, ad essere con i sofferenti. E questi sono i fattori che aiutano e che portano visibili progressi. Perciò, direi questa nostra duplice forza di rinnovare l’uomo interiormente, di dare forza spirituale e umana per un comportamento giusto nei confronti del proprio corpo e di quello dell’altro, e questa capacità di soffrire con i sofferenti, di rimanere presente nelle situazioni di prova. Mi sembra che questa sia la giusta risposta, e la Chiesa fa questo e così offre un contributo grandissimo ed importante. Ringraziamo tutti coloro che lo fanno.”

Annunci

4 commenti

Archiviato in Arkeon, Società

4 risposte a “AIDS e preservativi: parliamo dell’Africa, o di noi?

  1. Mi spiace ancora parlarti dei tempi della scuola in Svizzera, purtroppo è li che la ho fatta. Dunque per quanto riguarda l’Aids, come la sessualità, se ne parlava anche a scuola; educazione sessuale si chiamava il corso. Sono d’accordo col fatto di umanizarla e renderla meno una competizione ad una ettà, secondo me, troppo giovane, dove persone come me, che si interessavano poco a fare sesso tanto per farlo, vengano ridicolizzate e fate pressione. Questo viene anche da l’educazione a casa e da le nostre madri, secondo me. Per chi i genitori ne parlano mai, la scuola ti poteva dare un aiutino con queste lezioni. Poi le publicità educative e fatte a posta per i giovani è stato li una buona cosa. Comunque si è banalizato il raporto sessuale tra persone e le generazioni seguenti ne hanno fatto le spese. Quando ero in Liguria, sono stata estrefatta da notare una grande ignoranza al riguardo di tutto ciò e delle attitudini e la mancanza di conoscenza al riguardo delle persone che avevano l’Aids, oltre al fatto che tengono ancora spesso segreto per via del rischio di licenziamento. C’è mancanza di informazione al riguardo comunque.
    Grazie, del post molto interessante !
    F.

  2. @ Fabia: non dispiacerti. Le tue storie della Svizzera, o di altrove, sono sempre molto interessanti. Penso che hai ragione dell’AIDS si parla poco, in Italia, e poco chiaramente. Difendo la Chiesa per tanti versi, ma l’ipocrisia c’è, eccome. E sui preservativi la posizione del Vaticano non mi quadra. Speriamo, al di là di tutto, che ci siano cure sempre più efficaci, anche in Africa, e che questa epidemia possa essere eradicata, come il vaiolo.
    Ciao
    S&P

  3. Fatti il conto di quanti anni ho (48) e a casa e a scuola ne parlavano come una realtà, senza paranoie e quant’altro serva poco e senza esagerazioni. Un paio di anni fa’ e credo ancora, mi rendo conto che in Italia 3/4 della popolazione crede ancora che l’Aids si prende con un bacio o un’altra stupidata di queste….allora mi permeto di chiedermi, che cosa qui ed altrove fa veramente chi ne ha la responsabilità di informare in modo educativo e senza negarlo o ipocrisie, e siamo nel 2009 !!! Siamo quasi come il continente africano ?
    Preocupante la cosa !…..e allora mi stupisce poco anche la storia di Arkeon e quant’altre mi puoi cercare.
    Credo sia alla base la limite del bigotismo fin troppo esagerato che mantiene le persone nell’ignoranza. Anch’io sono na persona di Fede e questo vuol dire anche critica costuttiva ed equilibrata a cere cose che condivido poco con una parte della chiesa catholica.
    Sul tuo post ci sono vari punti interessanti.
    La sessualità, l’Aids, la chiesa, la sanità, prevenzione, responsabilità.
    Grazie ancora.
    F.

  4. @ Fabia: grazie del commento. Come dici anche tu, non credo che la Fede possa mai essere fondata sull’ignoranza. C’è in Italia ancora tanta mancanza di informazione, anche perché le persone non sanno a chi credere, perché tanti strumentalizzano la verità. Il prezzo che paghiamo è alto.
    Ciao
    S&P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...