Io dico basta

Nelle ultime ore, il noto psicologo Claudio Risé ha reso nel suo blog alcune affermazioni su Arkeon (alcune delle quali peraltro non condivido):

Conosco il gruppo Arkeon perché molti pazienti me ne hanno parlato. Più che una setta mi pare uno dei tanti “franchising” similpsicologici di successo presenti nella “terra di nessuno” degli incontri di gruppo. Il suo fondatore aveva ben intuto che gran parte dei malesseri attuali nascono dall’assenza del padre, e su quello ha fatto crescere la sua iniziativa. Personalmente, non mi risulta che fossero particolamente fissati sull’omosessualità, né che abusassero di minori. Comunque, se Luca voleva uscire dalla situazione in cui era, e Arkeon l’ha aiutato, meglio così. Speriamo piuttosto che arrivi presto il processo, perché non si può mettere in galera, le persone per anni, e linciarle a colpi di scoop con testimoni che parlano incappucciati: fa venire i brividi, è roba da Ku Klux Klan, altro che libertà d’informazione. In tutta questa storia, ed anche nel suo messaggio, circola una spiacevole aria di caccia alle streghe. Che il movimento degli omosessuali, persone cacciate per secoli, si riduca a questo, mi dispiace.

…confermando che Arkeon tutto era fuorché una setta, non tutti i gruppi che vi appartenevano erano di alto livello, e non mi pare che i criteri formativi fossero proprio trasparenti. Peccato perché le intuizioni di partenza (che oltretutto hanno fatto ampio riferimento ai miei libri), erano molto efficaci. Spero comunque che la cosa si risolva positivamente per chi vi ha messo forze ed energie.

Ancora piena solidarietà contro ogni rogo mediatico, autentica peste, fisica e morale, del nostro tempo. Cerchiamo di difendere le libertà residue!

Gli interventi sono consultabili nel loro contesto originale.

Tra esperti e figure di spicco che si sono espressi pubblicamente su Arkeon, si può ricordare Padre Raniero Cantalamessa, che parlò di “caccia alle streghe” su “Striscia La Notizia”. Padre Raniero è diventato, mediante il suo tenuo legame con Arkeon (che era però anche conoscenza diretta di alcune persone), bersaglio dei peggiori attacchi da parte della stampa e, a più riprese, della televisione (più recentemente, dopo oltre due anni, il 24 febbraio da parte di Striscia La Notizia). Chi ce l’ha con Arkeon ha la memoria lunga, evidentemente.

Raffaella Di Marzio, che è una delle principali esperte italiana di sette, soprattutto di ambito critico (legata all’internazionale ICSA), ha avanzato dei dubbi sul fatto che Arkeon fosse una setta e si è permessa di iniziare uno studio in materia. A quanto pare, è stata denunciata da una collega alla magistratura, si è vista il sito oscurato per mesi e, a quanto risulta, è ancora oggetto di indagine penale per avere incontrato persone che avevano fatto parte di Arkeon. Evidentemente quello studio “non si doveva fare”.

Martini (uno pseudonimo usato dal curatore del famoso sito contro Scientology, Allarme Scientology) ha osato esprimere solidarità a Raffaella di Marzio in quell’occasione, con parole peraltro molto critiche verso Arkeon (di cui allora non sapeva nulla). Immediatamente è stata denunciata alla magistratura dagli anti-Arkeon per aver solidarizzato con la Di Marzio; contro Martini, è iniziata una campagna di maldicenza che è culminata in un clamoroso sciopero del sito Allarme Scientology.

Massimo Introvigne, uno dei massimi esperti al mondo di nuove religioni, ha chiarito che in realtà di Arkeon si sa poco o nulla (“Arkeon started as a Reiki group but later became both close to the Roman Catholic Church and controversial in gay circles for its willingness to deal with homosexuality as a condition that some can (and did) eventually overcome. Branded as a quintessential “cult” by some media and anti-cult activists, it had its share of legal problems. Arkeon’s ideas are quite complicate, and we at CESNUR do not claim to have a clear picture of them“) e, pur avendo osato esprimere solidarietà a Raffaella Di Marzio, è uno dei pochi, insieme alla Società Italiana di Psicologia delle Religioni, a non aver patito conseguenze.

Anche il Prof. Mario Aletti, pur non citando esplicitamente Arkeon, ha scritto un articolo molto rilevante e, certamente riferito alla vicenda.

Ora, come in ogni luogo in cui si è aperto un dibattito su Arkeon, è iniziata la solita sequela delle “vittime” anche sul blog di Risé. Tra le stupidaggini comparse, ne prendo a caso tre:

– “Subire insulti quotiani, molestie e molte altre cose. Perchè volete zittirci con false e tendenziose notizie che mettete in rete? Perchè non dite la verità alle persone che contattate?”

Questa è interessante perché rivela un metodo di interesse culturale più ampio. Tu mi meni, io grido “mi hai menato”, tu gridi più forte “tu mi hai menato!”. Ma siccome tu lo ripeti più spesso, con più connessioni con i media, e siccome tu hai fatto passare a tutti il messaggio che io sono un figlio di nessuno, sono io che ho menato. Con la certezza che il 99% delle persone crede a chi è maestro a farsi vittima.

“Le persone che qui scrivono pro arkeon sono molto vicine ai vertici o ex maestri.”

Che, oltre ad essere nel complesso una delle solite balle, è da imparare per utilizzare all’occorrenza. Perché se qualcuno interviene contro di voi e dice “no, io ho frequentato poche volte”, la risposta è pronta “allora non potevi sapere tutta la verità”. In ogni caso, l’interlocutore è deligittimato

“Ricordiamoci che diversi padri non parlano più con figli seguaci di arkeon”

a prescindere dal fatto che Arkeon non esiste più, mi sembra interessante capire perché alcuni padri possono essersi comportati così. Nella mia esperienza, in rarissimi casi, quando un figlio chiedeva al proprio padre, dopo anni di distanza, di passare un po’di tempo insieme, o addirittura di venire al seminario per eventualmente dare la benedizione paterna, alcune madri se la prendevano di brutto, pensando, erroneamente, che il ritorno del padre le sminuisse e arrivando a proibire al padre di andare ai seminari ( qualche padre tristemente accosentiva). Questo raro problema è diventato in alcuni casi molto più serio quando è iniziata la campagna mediatica di cui protagonista è stata Lorita Tinelli. Allora, si è tentato di scardinare le famiglie di Arkeon, di pompare direttamente le madri (e i padri) contro i figli, di entrare in giovani famiglie per imporre la visione della psicologa barese. Qui sì, si sono verificate situazioni decisamente pesanti

Ora so che, dopo queste dichiarazioni a favore di Arkeon da parte di qualcuno, segue rapida la rappresaglia. Rappresaglia che prende diverse forme. Ci sono stati interventi sui posti di lavoro, a quanto ho sentito. Grazie ad una fitta rete di connessioni e il silenzio irresponsabile di tanti, si colpiscono le famiglie nella loro intimità, come è accaduta alla famiglia passata su Striscia La Notiza (a severo monito degli altri perché, evidentemente, non hanno aderito alla campagna anti Arkeon) o a quelle passate a Terra!, oppure scatta un qualche nuovo articolo su giornali che non controllano nulla, o, finché funziona, scatta la censura.

Censura vuol dire far chiudere siti, blog, forum perché la propria versione sia l’unica disponibile.

Quindi, se scomparisse questo blog perché, oltre alle mie idee, parlo anche di Arkeon, esercitando un mio diritto costituzionalmente tutelato, poiché ci sono i precedenti (e ne cito solo uno), non dovrebbe essere difficile sapere, con buone probabilità, di chi è la responsabilità.

Per quanto riguarda Risé, qualcuno ha già scritto una frase chiave “Il dottor Risè capirà che le indagini e la Magistratura dovranno fare il loro corso”: le stesse cose che si dicevano alla Di Marzio  e per cui poi è stata incredibilmente indagata.

La più grande tristezza è che la montagna di cose senza senso, di cose non vere, di mistificazioni, di insulti e manipolazioni che è stata riversata nell’etere, sulla carta stampata e su Internet ha seppellito (non parlo dell’aspetto giudiziario che conosco poco) ogni possibilità di capire se veramente in Arkeon c’è stato qualche abuso e qualche errore. E di questo, nonostante l’abilità nel fare le vittime e le connessioni mediatiche, se ne stanno accorgendo in tanti.

Non so quale sarà la prossima mossa contro di me, sul blog o su altro terrenno, dei soliti noti.

Però, io dico basta. Non ne posso veramente più.

E dico anche che se questo può succedere e continuare in Italia, allora preferirei non essere italiano.

Annunci

9 commenti

Archiviato in Arkeon, Lorita Tinelli, padre, padri, pseudoscienza, Raffaella di Marzio, Società

9 risposte a “Io dico basta

  1. Caro S&P, capisco molto bene quello che hai espresso, e quando mi hai parlato di quello che si scriveva nel blog di Risé, francamente mi aspetavo le solite cose già sentite, già lette, insomma le solite menate. Io ho già dato, in un senzo o nel altro, semplicemente (in caso certe persone ancora lo avessero poco capito, pro e contro) che anche avendo tirato a volte la corda, mi sono espressa liberamente. E già Libera, con una ortografia o linguaggio italiano che è scarso (se vogliamo guardarlo da questa parte), sopra tutto
    con tutta me stessa…..per come sono fatta io (bene
    o male che certi hanno o ancora giudichino).
    Un caro saluto,
    F.

  2. Ottima ricostruzione dei fatti, messi così in ordine fanno davvero riflettere.
    A presto.
    Fioridiarancio

  3. Ciao Fioridiarancio, hai ragione. Emerge anche uno schema preciso: contro la studiosa cattolica coraggiosa ed aperta a nuove prospettive di studio, contro il frate noto per il suo coraggio e comunque profondamente cattolico, contro uno psicologo che indaga il padre e sostiene la possibilità di esplorare il sé e cambiare, contro l’animatrice energica di un sito non-convenzionale disposta ad uno sciopero “per la verità”, ecc.. Si vede facilmente chi sono quelli contro e contro cosa stanno: apertura mentale, coraggio, non conformismo, libertà, contro la fede cattolica autentica. Di nuovo grazie.
    Ciao
    S&P

  4. Ciao Fabia, Risé ha detto cose interessanti ed importanti. Grazie del tuo post e di tutto quello che fai.
    Ciao
    S&P

  5. Grazie S&P.
    Mi hai fornito lo spunto per cogliere finalmente la palla al balzo e scrivere nel mio blog ciò che da mesi mi frulla in testa.

  6. @ sadal-melik: grazie a te. Sono contento che hai ripreso a bloggare!
    Ciao
    S&P

  7. cosimo

    La cosa che mi colpisce in questi “difensori del bene e censori del male” è la totale assenza di contributi di merito, di idee, concentti, esperienze. C’è solo il giusto e lo sbagliato, ovviamente definiti da loro.
    Basta vedere i contributi di costoro alla discussione nel blog di Risè, dove ad argomentazioni viene contrapposto il grido “tribunale tribunale”.

    cosimo

  8. @ Cosimo: è un grido cui siamo abituati – in questo ambito, come altri sono abituati in altri ambiti. Sono persone che si qualificano da sole e, chiunque abbia fatto un giro sul forum dell’Aduc, sa di che genere di persone si tratta. Purtroppo se ne sono accorti ancora in pochi.
    Ciao
    S&P

  9. Pingback: Frammenti su Arkeon :: La montagna di cose senza senso :: March :: 2009

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...