Un’etica della vita che manca?

Secondo me, per esplorare il paradosso di cui parlavo nell’ultimo post, bisogna prima di tutto mettere da parte l’aspetto politico, compresa l’inevitabile ostilità che qualsiasi iniziativa di Berlusconi o della Chiesa suscita nel nostro Paese. A maggior ragione se si può inserire la Costituzione o la Magistratura nel discorso. A mio parere, però, la legge bisogna rispettarla, ma questa considerazione non esclude un giudizio: la Corte Suprema degli Stati Uniti dichiarò legittima la schiavitù e genetica l’inferiorità dei neri. Per cui i giudici non sono al di sopra della giustizia, soprattutto se operano dove la legge non c’è (come in questo caso).

Tolta di mezzo questa polemica tangenziale e proseguendo nella riflessione sul paradosso, uno dei motivi, banali, dell’appoggio incondizionato dato da buona parte dell’opinione pubblica al padre di Eluana credo risieda nei modi, nell’aspetto, nel distacco dei modi. Ma questo è un dettaglio.

Un po’più in profondità, ed esulando ormai dal caso specifico, si arriva a Corrado Augias che è stato intervistato sull’argomento, immagino come opinion leader. Ha detto cose per me sorprendenti. Tra cui: “Cosa consideriamo vita umana? E’una vita che si esplica nella pienezza della facoltà psico-fisiche. Quando queste facoltà sono compromesse, la vita umana non c’è più, c’è un’ombra di vita”.

Si tratta di una frase che non mi quadra con gli handicappati anche gravi che sono vivi in mezzo a noi, che certamente non vivono nella pienezza delle facoltà psico-fisiche, a volte del tutto dipendenti da farmaci per sopravvivere. Non credo che possiamo proporre di levar loro i farmaci o l’alimentazione, o di lasciare ai genitori il diritto di vita o di morte.

Anche dopo aver sentito Augias, mi convinco che la sinistra semplicemente non ha un’etica della vita, una riflessione seria e pubblicamente presentabile sulla vita e sulla sua fine.

Un tuttologo italiano

Un tuttologo italiano

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Società

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...