Dietro la vicenda di Eluana, forse una schizofrenia sociale

Tra i tanti aspetti della vicenda di Eluana, uno che mi colpisce è che porta alla scoperta una forma di schizofrenia della nostra società.

Da una parte, salvo poi ripensamenti, noto che non c’è niente di male a giudicare credibili le accuse al padre di Gravina (accusato dell’omidicio dei due figli per un lungo periodo), e a negare ogni validità alle sue parole e al suo dolore. Dall’altra, il padre di Eluana ottiene che sia procurata la morte alla figlia, sulla base della sua sola parola, e questo va benissimo.

Il primo padre doveva sicuramente mentire, il secondo padre deve sicuramente dire la verità; il primo padre era un bugiardo che non sa curare i propri figli, il secondo è quasi un santo, e sa perfettamente come disporre della vita della figlia.

Strano, mi sembra.

Come anche strana la facilità con cui si tolgono i figli a certi genitori (vedi il caso atroce di Basiglio); mentre il padre di Eluana nella sua saggezza sa distinguere il bene dal male, sa certamente distinguere tra quello che è il suo dolore per lo stato della figlia, tra quella che è il suo non farcela più ad aspettare una quasi impossibile guarigione e il bene, o perlomeno, la giustizia per Eluana.

La tragedia di Eluana e della sua famiglia è un mistero difficile da sondare per chi per fortuna ne è estraneo, salvo che a livello di principi; penso abbiano detto bene le associazioni di amici delle vittime di traumi. Voglio invece spostarmi su quello che per me resta un paradosso, cioè il diverso trattamento riservato ai padri davanti alla tradegia dei figli. Ne scriverò ancora.

due sguardi verso lo stesso mondo

Giano: due sguardi verso lo stesso mondo

Annunci

2 commenti

Archiviato in Società, Uncategorized

2 risposte a “Dietro la vicenda di Eluana, forse una schizofrenia sociale

  1. La sua agonia durata 17 anni è finita in poco più di 48 ore, con l’azzeramento totale dell’alimentazione artificiale che teneva la sua vita appesa ad un sottilissimo filo.

    Le voci che in questi giorni hanno gridato, assumendo diverse posizioni su questa vicenda, ora non gridano più. In Senato la seduta convocata per tentare di ripristinare la terapia per Eluana è stata sospesa e si sono tenuti alcuni minuti di silenzio.

    La politica italiana adesso, così come tutta la società, è chiamata a fermarsi e a pensare.

    La sua vita e soprattutto la sua morte purtroppo lasceranno un segno indelebile nel nostro Paese…la strumentalizzazione sicuramente è stata esagerata, ma gli interrogativi che ha posto questa vicenda sicuramente rimarranno per molto tempo irrisolti e discussi.

    Di errori ne sono stati compiuti molti credo. Adesso però non è tempo di polemiche e non è tempo di accuse.

    E’ tempo di pregare per Eluana..per la sua vita che si è conclusa in questa maniera..e anche per i suoi genitori.

  2. sudorepioggia

    Tonbaj, grazie del commento. Ci sono cose che devono restare private, e, se c’è ancora da dire qualcosa sulla particolare vicenda di Eluana, non spetta certo a me farlo, anche perché non avrei elementi. Il senso della vicenda, invece, non può finire nel silenzio perché è stato scelto di caricare – a ragione o torto – sul “popolo italiano” questa storia; e, quindi, il popolo italiano ha il diritto, ma anche il dovere di continuare ad interrogarsi. Anche per il futuro.
    S&P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...